Laura Cutini a Bla Bla Maremma


Avatar

di

Editore: La Maremma delle Idee

La Maremma del Buono e del Cattivo Governo.

Governo locale e governo europeo sono i due temi principali dei prossimi appuntamenti di Maremma.TV a Grosseto, al Faq, lo spazio a 360 gradi per la musica ma non solo, aperto in via Legnano nel febbraio scorso.

Durante l’iniziativa denominata “Bla Bla Maremma“, tutti sono invitati a partecipare e a parlare. Da tre anni Richard Harris fa incontrare un pubblico insolitamente eterogeneo e trasversale intorno agli argomenti caldi del territorio e del Paese. A Grosseto, Firenze, Bologna, Milano Expo e in giro per la Maremma, giornalisti, economisti, imprenditori si sono confrontati con la formula degli interventi brevi, seguiti dal confronto con la platea. Il filo rosso che lega argomenti diversi – come l’agricoltura, la governance del territorio, la smart city, la trasparenza nella politica – è l’importanza della comunicazione in forme libere e orizzontali, senza gabbie troppo prevedibili e senza una logica partitica. Negli incontri di Maremma.TV hanno partecipato, fra gli altri, Emilio Bonifazi, Bruno Manfellotto, Maurizio Melani, Achille Occhetto, Romano Prodi, Sergio Rizzo, Claudia Sorlini, Chicco Testa, Sandro Vannucci.

Nel primo incontro, in programma lunedì 7 dicembre, si parlerà in particolare della gestione e della governance del territorio maremmano, con due chiave di lettura: la prima riguarda il conflitto vero e politico fra gli interessi degli agricoltori e pastori e le politiche che puntano alla conservazione di certe specie di selvaggina; la seconda riguarda il grande lavoro della messa in sicurezza dei fiumi, del quale il pubblico sa poco e capisce meno. Sandro Vannucci modererà la serata e i relatori comprenderanno Luca Albertazzi, dell’associazione Vita; Luigi Bellumori, sindaco di Capalbio; Laura Cutini, biologa; Massimo Detti, agronomo; Mario Lolini, agricoltore, Consigliere del Consorzio Bonifica 6 Toscana Sud e Consigliere comunale di Grosseto; Alessandro Pacciani, dell’Università di Firenze; Guido Pallini, di Confagricultura, e Fernando Tizzi, pastore.